LIGABUE vs NEGRITA

LIGABUE vs NEGRITA@STAZIONE BIRRA SUPERNOVA vs RADIOCONGA

Biografia Supernova Tribute band Ligabue

I Supernova nascono ufficialmente nel settembre del 2007 dall'unione di Giorgio Baldari alla voce, Andrea Lamusta e Fabrizio Violoni alle chitarre. Dopo pochi mesi entrano a far parte del progetto Licia Missori alle tastiere, Riccardo Pinto al basso e Stefano Conigliaro alla batteria e il gruppo raggiunge la sua formazione completa.
La band romana è un tributo a Luciano Ligabue e cerca di riprodurre alla perfezione il sound del cantautore di Correggio; l'obiettivo principale del gruppo è quello di arrivare ad essere LA Tribute band di Ligabue. L'impegno messo dai musicisti in questo progetto porta presto i primi risultati e a tutt'oggi i Supernova hanno all'attivo un altissimo numero di serate sia nella Capitale che fuori, facendosi così spazio nel panorama musicale Regionale. Inoltre, il vasto repertorio proposto, permette loro di creare atmosfere ed emozioni sempre diverse che trascinano, divertono e rendono partecipi chi li guarda...per delle serate in pieno rock 'n' roll nello stile del Liga!!

BIOGRAFIA RADIOCONGA


La storia dei Radioconga ha un andamento...beh, come dire...alquanto burrascoso! Possiamo provare comunque a parlarne ma...tenetevi forte...
Nascono nel Marzo del 2008 dall'idea di Alessio Cerchi (attuale bassista della band) con l'aiuto di Valeriano Dominici (chitarrista). Il gruppo prende il nome dal singolo dei Negrita più gettonato in quei mesi...radio conga: un nome breve, musicale, radiofonico (è proprio il caso di dire) e non utilizzato da nessuna delle tribute band dei docs (nome con cui i Negrita vengono identificati dai fans) e non utilizzato da nessuna delle tribute band dei docs (nome con cui vengono identificati dai fans i Negrita). In quei giorni qualcosa inizia a prendere forma e certi ormai del nome della band, i due fondatori iniziano a fare progetti tra sogni e problemi reali, ma...in cuor loro sentono mancare ancora qualcosa... Ti stai chiedendo: "cosa?". Il resto del gruppo, come "cosa?" !!! Eh si, infatti inizialmente la formazione è composta soltanto da Alessio e Valeriano, entrambi reduci dello scioglimento di una band...la stessa!!! Inizia così l'Odissea per la genesi dei Radioconga; annunci, provini, telefonate, passaparola... i requisiti richiesti sono sempre gli stessi: passione smisurata per i Negrita, voglia di fare, impegno, disponibilità e serietà (chiedono forse troppo? Naaa...)! Obbiettivo principale: diventare la tributeband più "cazzuta" di Roma (o forse dell'Italia...lasciateci sognare), per poi magari essere un giorno riconosciuti come tribute band ufficiale dal quartetto d'Arezzo. Meticolosa precisione e fedeltà nell'esecuzione dei brani...imitarli nel look...essere animali da palco come loro: tutto questo per omaggiare una grande band italiana ed allietare così le serate di chi li segue o li seguirà...di coloro che si trovano casualmente o con intenzione ad un loro concerto...ma in ogni caso di tutti quelli che amano i Negrita, cercando di regalare loro le stesse emozioni. Diciamo che...ecco...si...i Radioconga puntano ad essere la versione masterizzata dei Negrita...ahahahah...attenzione ho detto masterizzata, non tarocca!!!
Comunque, dicevamo...ah si...dopo un lungo periodo di ricerca, Valeriano sostiene di conoscere un batterista da inserire nel progetto... decidono di conoscerlo e di metterlo alla prova: Giovanni Federici, 28 anni di Rieti...si rivela subito all'altezza della situazione, nonostante ami altri generi musicali e non sia un vero e proprio cultore dei Negrita. Che dire...un metronomo umano...praticamente perfetto, quindi...Giovanni entra nel gruppo ed i Radioconga hanno così una sezione ritmica completa e da fuochi d'artificio ! A questo punto serve un secondo chitarrista (sullo stile di Mac, il chitarrista dei Negrita), visto che Valeriano con la sua bravura ricopre il ruolo del Drigo (chitarrista dei Negrita) della situazione nonostante l'assoluta assenza di somiglianza, ed una voce capace di offrire i brividi che solo Pau (voce dei Negrita) sa regalare; Alessio ricorda di avere due amici che anni prima avevano formato, sulla loro stessa scia, una cover band ormai sciolta, dal nome XXX. Decide di fare loro la "fatidica proposta" e tutto va per il meglio, nascono così i Radioconga: Alessio Cerchi al basso, Valeriano Dominici e Dario Ferrari alla chitarra, Giovanni Federici alla batteria e Dario Muratori alla voce. Avviato il progetto, il gruppo sventola la propria scaletta che conta 24 tra i più bei brani dei Negrita. Tutto sembra procedere per il meglio ma ad un tratto, dopo un paio di mesi circa, cominciano le prime discrepanze: purtroppo il progetto richiede impegno, dedizione e disponibilità...elementi che i due Dario, seppur avendo molta passione e voglia di fare, non riescono ad offrire essendo anche impegnati in parallelo con un altro gruppo. Decidono quindi di gettare la spugna ed i Radioconga si trovano di nuovo al punto di partenza! Tuttavia in questo periodo Alessio viene contattato da Massimo D'ippolito (attuale chitarrista dei Radioconga) che è alla ricerca di un bassista per il suo gruppo; i due si incontrano e tra una birra e tante parole viene fuori che Massimo è un grande amante e fan dei Negrita, nonchè chitarrista, cantante ed armonicista. Si propone così per l'ingresso nella band: che dire...un vero colpo di fortuna ! Massimo accetta senza pensarci due volte...e porta con sè anche Marco Melis (attuale chitarrista dei Radioconga), un suonatore di chitarra dal cuore blues! Il gruppo è nuovamente al completo, forte di un sound decisamente migliore...grazie anche all'amore dei più per il "rock made in Pau". Nonostante ciò, le forti ambizioni alla base del progetto Radioconga sollevano durante le prime prove la necessità di due importanti componenti...due coristi: Giovanni Scopelliti e Roberta Settele (attuali coristi dei Radioconga), regalano quel tocco di armonia vocale che colora tutt'oggi il sound della band in ogni sua sfumatura.
Tutto ricomincia alla grande: lo studio minuzioso della band in ogni sua forma, dal look alla scaletta passando per riff e soli, ma...con il tempo Valeriano fa emergere un senso di insoddisfazione dovuto all'assenza di entusiamo e di passione sfegatata per i docs e...decide di mollare! Questo abbandono lascia quindi il posto a Massimo D'ippolito alla chitarra, che da subito non si rivela un rimpiazzo, nè una sostituzione, ma la normale evoluzione della band; Marco, invece, diviene così il Drigo della situazione. In questo momento i componenti del gruppo ne approfittano per riflettere sul loro futuro e su cosa poter fare per migliorare il sound, dato che in ogni caso all'arrivo del nuovo chitarrista avrebbero dovuto ricominciare da zero. Emerge il problema voce: la formazione è finalmente stabile, ottimo groove, sound perfetto, tutto fedele agli originali...ma la calda voce alla Liga di Massimo non riscuote molto successo perchè ritenuta poco somigliante a quella del leader dei Negrita. Bisogna dunque "cambiare registro"; ora serve un cantante più simile a Pau: con un timbro vocale aggressivo, capace di "tenere il palco" e magari con la pelata di serie! Soliti annunci, provini, giri di telefonate e passaparola...quando in un pomeriggio di Settembre 2009, dopo una settimana di intense ricerche, squilla il telefono di Alessio: Giantonio Chiarelli (attuale cantante dei Radioconga) sostiene di essere all'altezza! La convocazione è immediata: la crapa pelata c'è tutta, la voce è molto simile e se curata opportunamente puУВ rendere il tutto più emozionante e fedele al Negrita sound! E' fatta... Giantonio fa breccia nei cuori dei Radioconga diventando così Giau !
Dunque la sezione ritmica conta su Giovanni Federici alla batteria ed Alessio Cerchi al basso, alla chitarra solista Marco Melis ribattezzato Drinko, seconda chitarra Massimo D'ippolito, Giantonio Chiarelli (Giau) voce, chitarra acustica ed armonica, ed ai cori Giovanni Scopelliti (Gio Conga) e Roberta Settele.
Purtroppo non si fa in tempo a prendere un po' di pace, che "causa forza maggiore" i Radioconga sono costretti a cambiare batterista e coristi perché si sa, far parte di una tribute-band richiede impegno e sacrifici: Ciro Di Bitonto (il VIP del gruppo, attuale tastierista dei Formula 3) un drummer pieno
di tecnica e sentimento sostituisce Giovanni Federici, ai cori il pluri-collaudato Massimo D'Ippolito guarda le spalle alla talentuosa new entry
Daniele Prochilo rafforzando la sezione cori con toni graffianti ed aggressivi degni del Negrita Sound. Che dire...un ringraziamento particolare a
Giovanni Federici, Giovanni Scopelliti e Roberta Settele ed un caloroso benvenuto a Ciro e Daniele !
Questi sono i Radioconga: un gruppo di giovani misto tra studenti e lavoratori che amano i Negrita, le loro canzoni e le emozioni che solo questa band sa dare...non saranno dei professionisti, ma sicuramente sono degli amanti della musica che suonano da diversi anni e danno il meglio in ogni occasione ! Forse possono essere definiti degli "aspiranti professionisti"...sta a voi giudicare, magari in una delle loro apparizioni live...
Questa è la loro storia...questi sono i Radioconga Negrita Tributeband !!!

 

La prenotazione del "biglietto e del posto a cena" non comprende il costo della cena.

N.B. PRENOTAZIONI ON-LINE
- Per il pagamento potete usare una qualsiasi carta di credito o di debito, postepay o altre ricaricabili. La fase di pagamento è eseguita direttamente con la banca che è collocata su un SERVER SICURO con dati crittografati.
- Dopo aver effettuato la transazione on-line, ANCHE NEL CASO RICEVIATE UN MESSAGGIO D'ERRORE, prima di effettuare una nuova transazione, attendete qualche minuto e controllate che l'addebito sulla vostra carta non sia stato effettivamente eseguito. Per qualsiasi problematica non esitate a contattarci allo 06-79845959
- I biglietti possono essere ritirati presso la nostra biglietteria dalle 24 successive alla prenotazione  dal mercoledì alla domenica, dalle 15 alle 20, esibendo la mail o l'sms di conferma ed un documento d'identità. Info allo 06-79845959
- Si precisa che nella voce "biglietto con prenotazione cena" non è compreso, ovviamente, il costo della cena.