METAMORFOSI - ingresso 10 euro

Dopo due anni torna sul palco di Stazione Birra una delle formazioni storiche del prog italiano...

Il gruppo rock METAMORFOSI nasce nel 1970 dalla fusione della band "I FRAMMENTI" e l'incontro con il cantante Jimmy Spitaleri. Dopo un breve periodo di prove per la composizione di nuovi brani, il gruppo incide il suo primo LP "....E FU IL SESTO GIORNO" con la casa discografica VEDETTE: il disco viene messo in commercio il 29 maggio 1972. A questo punto Enrico Olivieri, Jimmy Spitaleri e Roberto Turbitosi, sempre alla ricerca di nuove esperienze musicali e di nuove sonorità, si mettono al lavoro per comporre ed arrangiare "INFERNO" , un'opera rock tratta dalla Divina Commedia di Dante Alighieri. Durante questo periodo escono dal gruppo il chitarrista Luciano Tamburro ed il batterista Mario Natali, rimpiazzato da Gianluca Herygers. Dopo una breve pausa, il disco esce il 30 gennaio 1973, sempre con la casa discografica VEDETTE.

Con questo LP il gruppo trova la sua reale identità, con un linguaggio musicale che va dal rock, al jazz, al classico e che verrà successivamente definito ROCK-PROGRESSIVE. Sulla solida ritmica di batteria, basso e pianoforte, si avvicendano interventi di sintetizzatore, tastiere e voce. I compositori prendono in prestito lo schema infernale di Dante Alighieri, per poter levare il loro grido di protesta, denunciando i mali della società e coloro che contribuiscono ad alimentarli. Dopo aver fatto un tour nel Veneto e Friuli insieme a FLEA, GARYBALDI ed R.R.R., aver suonato allo Stadio Flaminio di Roma ("Festival di Avanguardia e Nuove Tendenze",1972) al Palasport di Roma ("Festival della Musica Popolare",1973) e tenuto concerti in clubs e teatri, il gruppo si scioglie.

Passano 22 anni durante i quali Enrico Olivieri e Jimmy Spitaleri non abbandonano mai l'idea di completare il discorso musicale aperto con "INFERNO" e, nella primavera del 1995, anche grazie all'incontro con il discografico Massimo Guarini ed il giornalista Guido Bellachioma, i due decidono di riprendere il cammino interrotto cominciando a preparare "PARADISO". Nel novembre del 1995 il gruppo incide un brano dal titolo "MURUROA", riprendendo il vecchio discorso contro il nucleare iniziato 23 anni prima con "HIROSHIMA": il brano uscirà su una raccolta di brani progressive per l'etichetta "PROGRESSIVAMENTE ITALIA" (GMP002).

Per i METAMORFOSI, il 6 settembre 1996 è una data storica: il gruppo si esibisce di fronte al pubblico di PROGRESSIVAMENTE FESTIVAL al Testaccio Village di Roma, una rassegna durante la quale eseguono e registrano dal vivo "lNFERNO". La formazione è composta da Jimmy Spitaleri ed Enrico Olivieri, e dai nuovi acquisti Fabio Moresco alla batteria e Leonardo Gallucci al basso. Al mixer l'inseparabile Sandro Borgioni. Il consenso del pubblico (circa 3.000 persone) è unanime, ed il gruppo riprende vitalità per proseguire con la preparazione di "PARADISO", un'opera rock che, insieme al "PURGATORIO", andrà a completare il progetto "DIVINA COMMEDIA" di METAMORFOSI. Il CD esce nel 2004 riscuotendo un consenso e un successo unanime, che porta il gruppo ad esibirsi anche al prestigioso Nearfest in America.

Oggi Metamorfosi torna a riproporre dal vivo i pezzi storici (è prevista la riproposizione integrale dell'Inferno) e i nuovi brani che andranno a confluire in un nuovo progetto dedicato all'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto.


LINE UP

Jimmy Spitaleri: voce
Enrico Olivieri: voce, Hammond C3 con Leslie, piano elettrico Roland, tastiera Yamaha, prototipo sintetizzatore monofonico Maggi, pianoforte acustico mezzacoda Yamaha  
Fabio Moresco: batteria Gretch
Leonardo Gallucci:basso, chitarra acustica


Set list

Inferno (integrale)

da E fu il sesto giorno
E fu il sesto giorno (piano e voce)
E lui amava i fiori (piano e voce)

da Paradiso
Venere (chitarra voce e pizzico tastiere)
Marte(gruppo)
Giove (gruppo) Saturno (gruppo) Salita empireo (solo piano)
Empireo (gruppo) La chiesa delle stelle (inizio voce e piano elettrico, poi il gruppo)

Bis
dall'Orlando Furioso
Guidon Selvaggio (gruppo)

Website : www.metamorfosi.org